bambu giapponese

Bambù Giapponese Pseudosasa japonica: Guida Completa

Condividere con un amico:
Mathieu G.

Volete acquistare un bambù giapponese Pseudosasa japonica o ne avete già uno in casa?

Questo bambù, molto diffuso in Europa, è originario del Giappone ed è molto apprezzato per le sue qualità ornamentali. E per chi ha letto il mio articolo sulle cannucce di bambù, lo Pseudosasa  japonica è il  bambù ideale per la realizzazione di cannucce !

Caratteristiche della Pseudosasa japonica o “bambù Metake

Bambù ideale per l’ombreggiatura

bambu giapponese

Nome scientifico

Pseudosasa japonica

Altri nomi

Bambù a freccia, metake, bambù giapponese, bambù giapponese

Lunghezza media

Da 6 a 8 metri

Larghezza delle stoppie

Da 1 a 2 cm

Temperatura minima

-15°C

Mostra

Ombra, mezz’ombra o sole

Rizoma

Monopodiale

Caratteristiche distintive

Culmi lunghi e sottili con guaine persistenti e foglie lunghe

Con i suoi culmi lunghi e sottili e le sue foglie lunghe e ricadenti, il bambù giapponese Pseudosasa japonica è ideale per creare ombra. Le sue foglie possono misurare oltre 30 centimetri, molto più lunghe della media dei bambù.

La Pseudosasa japonica ha anche la caratteristica di avere anelli ai nodi che non sporgono oltre i culmi. Questa caratteristica, unita al fatto che è sottile e dritta, la rende ideale per realizzare frecce e altri oggetti come le cannucce. Vedremo più avanti nell’articolo che un’azienda francese produce cannucce con il bambù pseudosasa japonica.

Un’ottima scelta per una siepe di bambù per la privacy

schermo privacy in bambu

I culmi densi e sottili e il lungo fogliame della Pseudosasa japonicapica possono essere sfruttati per creare una siepe per la privacy per creare una siepe frangivista. Potete anche metterla in lunghe fioriere per creare la vostra siepe se non avete spazio nel terreno o non volete preoccuparvi di controllare i rizomi.

Il bambù giapponese può essere potato senza problemi per dargli una forma più dritta e l’altezza desiderata. Attenzione, però, perché un culmo di bambù tagliato rimarrà all’altezza del taglio. Per riacquistare l’altezza originale o superiore della vostra piantagione di bambù, dovrete aspettare che i nuovi culmi emergano la primavera successiva. Per saperne di più, leggete il mio articolo “Il bambù tagliato ricrescerà? Per potare i vostri bambù Pseudosasa japonica, potete usare un tagliasiepi, poiché i culmi sono sottili e possono essere tagliati facilmente.

Inoltre, come si può vedere (in particolare nella foto alla fine di questo articolo), le guaine del bambù giapponese sono sempreverdi, dando un grazioso effetto a scacchiera, un po’ come la Fargesia robusta ‘Campbell ma meno pronunciato.

Bambù resistente al vento, al freddo e alla siccità

Il bambù giapponese Pseudosasa japonica è noto per essere molto resistente. Per questo motivo è uno dei pochi bambù che può prosperare in riva al mare (anche se non crescerà tanto in pieno vento di mare quanto al riparo dal vento).

La maggior parte dei bambù non resiste ai venti forti, soprattutto se si trovano in riva al mare. Il vento secca le foglie e il sale accentua questo effetto.

Se siete amanti del bambù e vivete in zone con venti forti, vi consiglio di iniziare piantando una Pseudosasa japonica. Può anche essere usata come frangivento per far crescere altre piante dietro di essa.

È possibile utilizzare la Pseudosasa japonica anche in vaso.

Infine, se non volete controllare lo sviluppo dei rizomi, potete coltivare il bambù giapponese Pseudosasa japonica anche in vaso.

Le dimensioni saranno più ridotte rispetto a quelle del bambù coltivato in piena terra, ma si svilupperà comunque bene. Dovrete comunque essere più attenti alla concimazione: potete leggere la mia guida alla concimazione del bambù per saperne di più sull’argomento.

Quando la vostra Pseudosasa japonica esaurisce lo spazio nel suo vaso, potete sempre dividerla o piantarla in terra.

Cura e potatura della Pseudosasa japonica

Pseudosasa japonica Bambu giapponese

La potatura può essere effettuata una volta all’anno

Soprattutto se volete creare una siepe di bambù giapponese, probabilmente vorrete potarli. Il bambù Pseudosasa japonica può essere potato una volta all’anno. Tenete presente, però, che la paglia di bambù tagliata non ricresce; solo i nuovi germogli possono ripristinare l’altezza originale del vostro bambù. Si può potare in qualsiasi momento, tranne durante il periodo di sviluppo dei nuovi germogli in primavera.

Uno dei vantaggi del bambù è che la potatura è sufficiente una volta all’anno, poiché il periodo di crescita aerea avviene solo quando si sviluppano i nuovi germogli.

Irrigazione

Se avete appena piantato il vostro bambù Pseudosasa japonica, dovrete annaffiarlo abbondantemente (10 litri d’acqua). Questo darà al vostro bambù un buon inizio.

Un esemplare maturo di Pseudosasa japonica può crescere senza essere annaffiato. È un bambù resistente alla siccità, anche se ovviamente preferisce un terreno leggermente umido. Se notate segni di mancanza d’acqua, come le foglie che si piegano o iniziano a seccarsi, non esitate ad annaffiare.

Fertilizzazione di Pseudosasa japonica

La Pseudosasa japonica non ha bisogno di fertilizzanti se è piantata in piena terra e non si punta al risparmio. Tuttavia, è possibile favorirne la crescita applicando un concime minerale azotato in primavera, quando i germogli si stanno sviluppando.

Inoltre, in autunno o in inverno, potete aggiungere al vostro bambù giapponese ammendanti organici come compost, erba tagliata, ecc. Per scoprire tutto quello che c’è da sapere sulla concimazione del bambù, leggete la mia guida alla concimazione.

Realizzare cannucce e frecce con il bambù giapponese

Caratteristici culmi lunghi e sottili

Freccia di bambu giapponese

I culmi lunghi, dritti e sottili del bambù giapponese lo rendono ideale per un’ampia gamma di applicazioni.

Produrre cannucce di bambù con bambù giapponese

cannucce di bambu

Con la messa al bando delle cannucce di plastica nel 2020, era necessario trovare delle alternative. E si è scoperto che il bambù è un candidato eccellente: I suoi culmi sono cavi, quindi per fare le cannucce basta tagliarne dei pezzi.

Il problema è che esistono oltre 1.300 specie di bambù, molte delle quali non sarebbero adatte alla produzione di cannucce: diametro troppo grande, pareti troppo spesse, forma troppo arrotondata, ecc.

È emerso che il bambù giapponese Pseudosasa japonica è una scelta eccellente per la produzione di cannucce, perché i suoi culmi sono lunghi, sottili, cavi e diritti. Può essere utilizzato anche per molti altri scopi, come la realizzazione di paletti di bambù.

C’è persino un’azienda francese che produce cannucce di bambù giapponese. Se volete saperne di più, potete leggere il mio articolo completo sulla produzione francese di cannucce di bambù.

Robuste frecce in bambù

La Pseudosasa japonica è utilizzata anche per produrre frecce. In Giappone è chiamata anche Yadake, dove ya significa “freccia” e Dake è una delle parole che indicano il bambù.

Avevo anche letto il resoconto di un abitante di un villaggio del nord-est dell’India che diceva che anche la fabbricazione di frecce con la Pseudosasa japonica era una pratica diffusa.

Ecco cosa ci ha detto sulla realizzazione di frecce con il bambù giapponese:

  1. Raccogliere i culmi di bambù pseudosasa japonica che siano il più dritti possibile.
  2. Se ci sono aree con curve, è possibile riscaldare i culmi di bambù selezionati per dare loro una forma diritta.
  3. Poi, quando sono ancora caldi, gli artigiani applicano la cera in modo che il bambù la assorba e diventi più resistente all’umidità.
  4. Selezionano le parti più diritte della paglia e ne fanno delle frecce, aggiungendovi delle piume.
  5. Una punta di metallo viene infine martellata a forma di cono appuntito e poi aggiunta alla punta della freccia.

Il posto del bambù nella cultura giapponese

Il bambù svolge un ruolo importante nella cultura giapponese. In generale, quando i giapponesi parlano di bambù, usano i termini “take“, “chicu” o “sasa“.

In Giappone, il bambù è simbolo di purezza, flessibilità, resilienza, forza e integrità. È presente in modo preponderante negli oggetti di uso quotidiano, nell’arte e nei rituali. Per esempio, antiche testimonianze in Giappone spiegano che un piccolo coltello di bambù veniva usato per tagliare il cordone ombelicale con la madre al momento della nascita, per beneficiare dei poteri magici del bambù (Bess N. et al, 2001).

Appare anche in molti racconti antichi, come il racconto del tagliatore di bambù “Taketoti Monogatari“, noto anche come “Kaguya-hime (La principessa di Kaguya)”. Queste sono alcune delle storie più conosciute in Giappone.

I gambi di bambù si trovano anche nelle feste, dove vengono utilizzati per allontanare il male.

Il Giappone e le sue foreste di bambù

foresta di bambu in Giappone

Infine, il Giappone possiede molte magnifiche foreste di bambù, come il boschetto di bambù di Arashiyama. Questo è probabilmente il boschetto di bambù più conosciuto del Giappone. Si trova a nord-ovest di Kyoto, lungo il fiume Katsura.

Se volete saperne di più, potete leggere il mio articolo sulle 15 foreste di bambù più belle del mondo.

Questo boschetto di bambù è particolarmente noto in tutto il mondo per i suoi sentieri tortuosi. Si tratta di un popolamento di bambù Phyllostachys edulis, bambù giganti che possono raggiungere un’altezza di oltre 20 metri.

Questa non è l’unica foresta di bambù conosciuta in Giappone; solo nella periferia di Kyoto ce ne sono diverse, come il Parco Roka Koshun-en e il Parco Jidayubori.  I giapponesi sono soliti passeggiare in queste foreste di bambù per ricaricarsi e godersi il verde.

Ora sapete tutto sulla pseudosasa japonica e sul posto del bambù in Giappone. Se avete imparato qualcosa da questo articolo, non esitate a commentarlo e a condividerlo sui vostri social network.

3 commenti su “Bambù Giapponese Pseudosasa japonica: Guida Completa”

  1. Pingback: Quale bambù scegliere? - Bambuseti

  2. Pingback: Tecniche di Lavorazione del Bambù: La Guida Completa - Bambuseti

  3. Pingback: 10 Motivi per cui il Vostro Bambù Non Cresce (e le soluzioni!) - Bambuseti

I commenti sono chiusi.